Quaderno fiscale: versione aggiornata

L’operatore shiatsu, dopo aver acquisito un buon livello di conoscenza nella pratica dello shiatsu, dedica parte del proprio tempo ad applicare le tecniche di questa affascinante disciplina. Quando questa attività è svolta in forma gratuita non vi sono adempimenti burocratici o fiscali da assolvere. Al contrario, quando vi è un riconoscimento economico a fronte del trattamento effettuato, scattano una serie di adempimenti fiscali in funzione della occasionalità o della continuità dell’attività prestata. La nostra associazione, da qualche tempo, mette a disposizione di tutti i propri associati una preziosa guida dal titolo “Quaderno fiscale APOS”,  prodotta dal nostro consulente, Dottor Biagio Notario,   per fornire un supporto in materia fiscale e tributaria. Il manuale è costantemente aggiornato, consultate qui l’ultima versione Quaderno fiscale

Per chi si appresta a fare dello shiatsu la propria professione, si segnala il capitolo dedicato al “Regime forfetario”. Generalmente questo regime fiscale risulta essere abbastanza conveniente e pratico per gestire la nuova attività economica. La visibilità è uno dei requisiti indispensabili per poter incrementare il numero dei trattamenti, visibilità però che può diventare controproducente se non si ha una posizione fiscale regolare.